Dalla Russia con amore e senza pudore – Invervista a Alesya Slabchuk

Share

Voglio dimostrare che nella mente umana tutto è possibile: è l’unico posto dove praticamente non esiste la censura. L’importante è che non si creda che le fantasie siano la realtà: credo che molte di loro, per esperienza personale, funzionino solo se rimangono un prodotto dell’immaginazione. Io cerco di aiutare le persone a visualizzarle in maniera più vivida.” Alesya Slabchuk

Alesya Slabchuk è una illustratrice russa, nata Mosca il 1987, che abbiamo conosciuta un po’ per caso, come capita spesso negli incontri importanti della vita. Il luogo virtuale dell’incontro è Instagram, dove notiamo un suo disegno come immagine profilo.
Un disegno erotico, una penetrazione per essere più chiari, ma quel disegno aveva un qualcosa in più.
Sicuramente l’uso di colori accesi e il tratto del disegno, la scelta del nome pass_desire__path, la descrizione del profilo “artist enjoy my deeply touching erotical,porn drawings and stories! “ ci ha spinto a “spiare” da dentro il suo mondo, e ciò che abbiamo trovato è fantastico.
Un mondo colorato, erotico, pornografico, che vive la sessualità a tutto tondo, non tralasciano nulla della sferra sessuale umana.
Parlano con lei abbiamo capito cosa si cela dietro i suoi disegni, ovvero i desideri nascosti di molto persone che spesso vivono come tabù le proprie fantasie. Una ricerca della libertà sessuale mentale più che fisica. Un viversi le proprie perversioni in maniera serena e consapevole.

Questo e altro è lo spazio illustrato in cui prendono forma le opere di Alysia.
Ma ora mettiamoci comodi, lasciamo che i nostri sensi siano appagati dalle sue illustrazioni e cerchiamo di capire meglio chi è Alesya Slabchuk.

pass_desire__path, erotismo, arte erotica, illustrazioni
Alesya Slabchuk

Domanda.Alesya , nei tuoi disegni c’è tutto, o quasi, l’immaginario erotico possibile e immaginabile. Cos’è per te l’erotismo?
Risposta.Sì, nei miei disegni provo a rappresentare diverse sfumature erotiche. A volte si tratta di fantasie nascoste o molto particolari, o di situazioni che potrebbero accadere nella vita reale a diverse persone. Spesso si tratta di tabù, e proprio per questo le scene descritte sono ancora più eccitanti. Il più delle volte però, quello che disegno non ha nulla a che vedere con me, mi ispiro al flusso erotico infinito che si percepisce dovunque. Preferisco tenere per me e il mio uomo le mie fantasie sessuali, o al massimo condividerle con i miei amici più cari.

 

D.I soggetti e gli atti sessuali da te disegnati racchiudono un po’ tutta la sfera sessuale di un uomo e di una donna.
Un erotismo senza limiti morali, senza limiti di genere, un erotismo libero.
Dietro ciò c’è la scelta di lanciare un messaggio o semplicemente disegni ciò che ti piace?
R.Come dicevo prima, cerco di rappresentare tutti i soggetti possibili e non, a parte alcune cose “strane” che non disegno, ma solo perché non le trovo attraenti. Voglio dimostrare che nella mente umana tutto è possibile: è l’unico posto dove praticamente non esiste la censura. L’importante è che non si creda che le fantasie siano la realtà: credo che molte di loro- per esperienza personale – funzionino solo se rimangono un prodotto dell’immaginazione. Io cerco di aiutare le persone a visualizzarle in maniera più vivida.

pass_desire__path, erotismo, arte erotica, illustrazioni

D.Hai problemi di censura nel tuo paese per ciò che disegni?
R.No. Ho scoperto che non tutte le tipografie sono pronte ad accettare i miei lavori da stampare. Quando li vedono arrossiscono e dicono che hanno delle regole da rispettare e bla bla bla… Per me è difficile trovare un posto dove stampare i miei disegni o dove allestire delle mostre.

 

D.Su Instagram sei molto seguita, come vivi questa cosa? E quali prospettive ha aperto nella tua vita?
R.Sì, ma in realtà non ho ancora capito da dove sono sbucate fuori tutte queste persone negli ultimi cinque mesi. A volte provo a immaginare questa enorme folla composta da 54mila individui, ma non ci riesco. Immagino che pochi di loro guardino il mio account solo dopo aver comprato un’opera, ma per me è difficile pensare che tutti questi sconosciuti si facciano un giudizio su di me solo attraverso la mia arte. Il vantaggio più grande di Instagram è che mi permette di interagire con altri artisti o con gli organizzatori di festival. E, perché no, mi aiuta anche a vendere più disegni.

pass_desire__path, erotismo, arte erotica, illustrazioni

D.C’è qualche disegnatore o disegnatrice a cui t’ispiri?
R.Innanzitutto il mio uomo: Sasha Laskowsky-Ziguilinsky. Mi sono emozionata quando ho visto per la prima volta i suoi lavori. Disegna sempre, dappertutto. Così, passando sempre più tempo insieme a lui, ho cominciato a disegnare di più e a sperimentare nuove matite, nuovi colori ad acqua e nuovi strumenti. Sasha mi aiuta a scegliere i soggetti delle mie opere. Per me è un esempio da seguire, stare con lui mi motiva a migliorare e dare sempre di più come artista.
Poi adoro Harry Clarke, Max Ernst, Virgin Finlay, Franz von Bayros, Fernand Khnopff, Jan Toorop, Felicien Rops.

 

D.Che tecnica usi per i tuoi disegni?
R.Uso diverse tecniche. Spesso improvviso con i tre chili di attrezzature che mi porto sempre dietro, ma le mie preferite sono i colori ad acqua e le penne a sfera.

pass_desire__path, erotismo, arte erotica, illustrazioni

D.Ci hai raccontato che ami il cinema d’essai, c’è un film in cui ti rivedi?
R.Per molto tempo il mio film preferito è stato “Arancia Meccanica”. Ma anche “Teorema” di Pasolini. Poi mi viene in mente “Black Moon” di Louis Malle. Amo molto i film di Rainer Werner Fassbinder, e mi ha entusiasmato la prima parte della trilogia di “Tokyo!” (diretta da Leos Carax, MichelGondry e Bong Joon Ho, ndr). Sai che è difficile sceglierne uno solo? Adoro il cinema, ci sono un sacco di film che mi emozionano, che mi ispirano e che mi rappresentano molto profondamente.

 

D.Ami viaggiare senza biglietto di ritorno, c’è un luogo che non hai ancora visitato ma che vorresti? E perchè?
R.Credo che mi piacerebbe sperimentare un posto nuovo: vorrei davvero andare a Tel Aviv, in Giappone, in Islanda. Di sicuro anche in Sud America: ho una forte connessione con questa parte del pianeta.

pass_desire__path, erotismo, arte erotica, illustrazioni

D.Alesya noi ti ringraziamo per la disponibilità che ci hai dimostrato, e vogliamo congedarci da te chiedendoti se hai nuovi progetti per il futuro e quale sarebbe un sogno che vorresti realizzare?
R.Vorrei portare i miei lavori in giro per il mondo, viaggiare di più e…provare a fare bungee jumping.

 

Contatti:
Instagram: @pass_desire__path
Tumblr: pass-desire-path.tumblr.com

Share
Etichettato , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X