T-Squirt incontra – Intervista a Camilla Tantra

Share

Camilla Tantra è una modella nata a Milano il 28 settembre del 1998. Si avvicina al mondo dell’arte grazie alla passione del padre per la fotografia e la pittura. Diplomata in scenografia al Liceo Artistico di Brera, attualmente sta completando gli studi in Scienze dei Beni Culturali all’Università Statale di Milano. Inizia a posare a 18 anni per superare le proprie insicurezze e diventa una sostenitrice del pensiero Body Positive.
Non vi raccontiamo altro di Camilla Tantra perché sarà lei stessa a farlo. Abbiamo il piacere di ospitarla nella nostra rubrica T-Squirt incontra e noi la ringraziamo per essersi raccontata rispondendo alle nostre domande. La ringraziamo tantissimo anche per gli scatti, con una delle nostre t-shirt, che ha realizzato per noi in pieno lockdown.

Camilla Tantra vestita con la t-shirt T-Squirt Ed.2020
Autoscatti in quarantena di Camilla Tantra con la t-shirt T-Squirt Ed.2020 (CLICCA QUI)

Domanda. Camilla, grazie per il tempo che ci hai concesso e per aver partecipato al nostro T-Squirt incontra con le tue foto. Sei diplomata in Scenografia e stai continuando i tuoi studi in Scienze dei Beni Culturali a Milano. Cosa ti ha spinto a intraprendere questo percorso di studi?
Risposta. Ciao Enrico, grazie a te per avermi dato questo spazio per esprimermi e farmi conoscere.
Si, sono diplomata in scenografia e sto continuato i miei studi in ambito artistico. Sono sempre stata innamorata dell’arte, passione che ho preso fin da piccola grazie a mio padre che era un grande appassionato di fotografia e pittura.
I pochi ricordi che ho di lui sono sempre costellati di fotocamere, cineprese o matite con cui disegnava per intrattenermi.
Per me tutto può essere arte, dalla pittura fino al cinema e alla gastronomia ed io cerco di conoscerne e ampliarne più aspetti possibili, non potrei vivere senza.

Camilla Tantra fotografata da Paolo Filighera
© Paolo Filighera

D. Quando hai iniziato a posare? Ricordi il tuo primo shooting?
R. Ho iniziato a posare 4 anni fa, avevo già compiuto 18 anni e mi era stato proposto un servizio fotografico a tema BDSM (sono partita in quarta ahah).
Il servizio di per se non è stato grandioso ma non mi sono fatta abbattere e ho deciso di continuare per vedere se poteva diventare una vera e propria passione.

 

D. Abbiamo letto sul tuo sito che hai iniziato a posare per superare le tue insicurezze e per apprezzare il tuo corpo. Superate? Che rapporto hai con il tuo corpo?
R. Come quasi ogni adolescente, ho sempre avuto un rapporto molto discontinuo col mio corpo. Nonostante all’epoca pesassi meno mi sentivo costantemente osservata e giudicata…giudizio che per la maggior parte del tempo era solo nella mia testa. 
Il concetto è che, se tu stessa non ti trovi bella credi che nessuno posso trovarti bella e qualunque apprezzamento diventa un macigno che non senti veritiero. 
La fotografia mi ha fatta riscoprire, innamorare di me e dei miei difetti, ho visto come il mio corpo cambiasse da fotografia a fotografia, perché l’occhio del fotografo non è mai uguale e ci si scopre diversi. Magari migliori.

Camilla Tantra fotografata da Georg Anton Stipek Michienzi
© Georg Anton Stipek Michienzi

D. Con quali fotografi o fotografe hai collaborato con maggior piacere?
R. In questi anni ho avuto il piacere di conoscere tantissime persone, e porto un buon ricordo di quasi tutto ciò che è stato prodotto.
Fotografi con cui ho instaurato anche un forte legame di amicizia come Fabio Oriani, Paolo Filighera, Alexander Delgado o Luca Matarazzo (con cui ho scattato solo una volta ciò nonostante ce uno splendido rapporto di caffè pomeridiani e chiacchiere post lavoro)
Sicuramente lavorare con Alessio Cocchi è una delle soddisfazioni maggiori che ho avuto nel corso di questi anni, ormai è più di un anno che lavoriamo insieme e non si smette mai di ridere e produrre.

Camilla Tantra fotografata da Alessio Cocchi
© Alessio Cocchi

D. Se dovessi scegliere tre nomi di fotografi/e viventi o non per cui ti piacerebbe posare, chi sarebbero?
R. Allora..è una domanda difficile ma ti cito alcuni fotografi viventi che mi ispirano quotidianamente e con cui spero di lavorare: 
A.J. Hamilton , Ed Freeman  e Steven Gindler.

 

D. Ti abbiamo conosciuta grazie a Instagram. Sappiamo che non hai proprio un rapporto idilliaco con questo social in quanto spesso ti è stato chiuso il profilo. Cosa ne pensi della censura sui social? Quali possono essere invece i pro e i contro di un social come Instagram per una modella ?
R. Tendo a non contare il numero di profili persi, mi importa poco, il mio lavoro prosegue anche senza i grandi numeri di questo social.
Instagram è sicuramente un ottima grande vetrina per qualunque tipo d’arte, purtroppo essendo anche un social pubblico aperto anche ai minori di diciotto anni la censura è sempre dietro l’angolo. Nelle linee guida Instagram stesso si dichiara cosciente che il nudo è molto spesso usato come forma d’arte ma non si prende carico di definire ciò che ci rientra o meno, non si è ancora trovato un modo efficiente per far coesistere il tutto e tutti sulla stessa piattaforma.
La censura comunque è un concetto molto arginabile, ci sono moltissime mie colleghe che pubblicano solo il consentito e rimandano ad alti siti il materiale più sensibile. Io purtroppo mi sono accorta che molto spesso poso direttamente nuda senza vie intermedie e questo mi obbliga a pubblicare contenuti sensibili censurati e sperare che il pubblico sia clemente. Il mio pensiero rimane “se un contenuto non piace si può sempre smettere di seguire o passare oltre senza segnalare il lavoro altrui”.

Camilla Tantra fotografata da Alessio Cocchi
© Alessio Cocchi

D.Sei una sostenitrice del pernsiero body positive. Che messaggio ti piacerebbe veicolare tramite questa intervista? La società a che punto credi sia riguardo un argomento come questo dello stereotipo del corpo perfetto?
R. Per me il benessere è prima di tutto mentale e fisico, dobbiamo avere cura di noi stessi, poi se ci sono delle cose che non ci piacciono e che non ci fanno stare bene (anche da un punto di vista medico) è giusto impegnarsi per cambiarle.
La società cambia in base a ciò che le persone attuano, io credo che il concetto di corpo perfetto sia orami superato e le grandi aziende della moda se ne stanno accorgendo. Noi come consumatori abbiamo il compito di veicolare un messaggio di accettazione, diversità e benessere per fare in modo che il mercato sia più sostenibile e attento ai bisogni di tutti.

Camilla Tantra fotografata da Fabio Oriani
© Fabio Oriani

D. Al di fuori della macchina fotografica, quali sono i tuoi hobby e gli argomenti che maggiormente ami affrontare?
R. Sono una persona molto estroversa e chi mi conosce sa che il mio argomento forte è il sesso (e tutta la sfera sentimentale che gli gravita intorno) parlo con molta passione anche a livello tecnico e teorico, mi piace essere l’amica sessuologa a cui si può chiedere tutto, senza avere timore.
Un’altra mia forte passione è sicuramente il cinema, io e il mio compagno siamo dei cinefili incalliti e la nostra videoteca personale è sempre in crescita! 

 

D. Camilla, prima di salutarci ti ringraziamo nuovamente e ti chiediamo un ultima cosa. Quali sono i progetti e i tuoi sogni per il futuro?
R. Purtroppo questo periodo di quarantena è caduto per me su un periodo davvero ricco di eventi e progetti…ma senza piangersi addosso recupererò il tempo perduto.
Posso già dirti con certezza che oltre a vari shooting già in calendario, ci sono in programma una live performance, almeno un paio di workshop super importanti (ancora non posso svelare con chi) e poi mi troverete a posare dal vivo per uno spazio d’arte milanese.
Questo 2020 è pieno di lavoro per me, speriamo di ripartire presto più forti che mai!

 

Contatti.
Sito: Modella Curvy Freelance | TantraaCurve  
Instagram: @tantraacurvymodel_
Mail: camidelia98@gmail.com

Share
Etichettato ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *