È morto Namio Harukawa, maestro dell’arte femdom.

Condividi con :
Share

È morto Namio Harukawa, celebre in tutto il mondo per la sua arte femdom.

Namio Harukawa, il celebre disegnatore giapponese conosciuto per la sua arte femdom,ci ha lasciato all’età di 73 anni. La sua morte è avvenuta il 24 aprile ed è stata confermata sul blog del suo vecchio amico e socio Yuko Kitagawa. Dopo Toshio Saeki, con la scomparsa di Harukawa se ne va un altro maestro delle celebre scuola dell’arte erotica giapponese.

 

Biografia 

Harukawa è nato nel 1947 (alcuni siti riportano il 1932 per cui l’età della sua morte sarebbe di 88 anni) nella prefettura di Osaka, in Giappone. Come studente di liceo ha contribuito con alcuni lavori alla popolare rivista pulp “Kitan Club”. Namio Harukawa è un nome d’arte nato dall’anagramma di “Naomi”, dal romanzo omonimo di Jun’ichirō Tanizaki e dall’ cognome dell’attrice Masumi Harukawa
Già dagli anni ’60 e 70 la sua carriera come artista è incentrata al fetish e ha lavorato tanto con le riviste pornografiche per la maggior parte della sua carriera. Nonostante ciò il suo lavoro ha ricevuto riconoscimenti non solo nell’ambito del mondo pornografico, anzi a partire dagli anni 2000 è stato acclamato ed elogiato da una folta schiera di critici e artisti di tutto il mondo. Ha ricevuto consensi, tra gli altri, da Oniroku Dan, Shūji Terayama e Madonna. Inoltre il suo lavoro è stato favorevolmente confrontato con le opere di Robert Crumb, d’altronde le figure delle donne ricordano il tratto dell’autore americano. Donne giunoniche che dominano e umiliano piccoli uomini sottomessi. I volti di queste donne hanno un espressione di disprezzo e indifferenza nei confronti della controparte maschile che risulta invece essere indifesa. Tra le pratiche maggiormente illustrate c’è sicuramente il facesitting (la donna che si siede sul volto dell’uomo) ma anche il pissing, il bondage, il cunnilingus e l’anilingus. Più raramente ma comunque illustrato è anche il cuckold.

 

Le pubblicazioni di Namio Harukawa

Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Kyonyū Katsuai, un libro in due volumi delle opere di Harukawa, Callipyge nel 2009, il primo libro di opere di Harukawa pubblicato al di fuori del Giappone, Maxi Cula nel 2012 . Le opere di Harukawa sono state esposte al Museum of Eroticism di Parigi nel 2013, la sua prima mostra personale al di fuori del Giappone. La mostra comprendeva 71 opere di Harukawa, 59 delle quali della sua serie Garden of Domina. L’Incredible Femdom Art di Namio Harukawa, un’antologia delle sue opere, è stata pubblicata da Kawade Shobō Shinsha nel 2019.

 

Abbiamo selezionato alcuni dei lavori di Harukawa per celebrarlo. Per celebrare un’artista che abbiamo sempre amato e continueremo ad amare. Come prima, più di prima.

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

 

Illustrazione di Namio Hurakawa, illustratore giapponese morto il 24 Aprile 2020

QUEEF Magazine

Newsletter

Riceverai tutti i nostri articoli, interviste e le nostre esclusive gallerie degli artisti prima di tutti.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Condividi con :
Share
Etichettato , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *