Sesperti, il primo meeting in Italia dedicato a divulgatori della sessualità – Intervista a Violeta Benini

Condividi con :
Share

“Siamo esseri sessuati, che non significa che facciamo sesso, ma tutto. Dal sentirci donne, uomini o unicorni, dal come scegliamo di presentarci agli altri, dalla accettazione del proprio corpo, ai gusti infiniti sul piacere”. Violeta Benini

Il logo di Sesperti
Il logo disegnato da Violeta e ideato grazie anche alle idee di Greta Tosoni Art e da Alessio e Dodi di Luxury Sex Design. Il logo è in continua evoluzione e non è definitivo.

Sessualità e social. Sembrerebbe un connubio stonato vista la censura sempre più rigida attuata dai maggiori social in circolazione. Eppure una folta schiera di sexblogger, artisti, attivisti ma anche sexyshop cercano, riuscendoci, di discutere e far discutere su tutti i temi che riguardano la sfera sessuale.
C’è chi fa anche di più. Ovvero organizza il primo evento dedicato a tutte le persone che parlano di social media in Italia.
Il nome del primo meeting italiano per sex blogger, e affini, si chiama “Sesperti” ed è stato ideato e realizzato da Violeta Benini. L’obiettivo di Sesperti è quello di far incontrare e confrontare tutti i professionisti e non, che divulgano online. Perteciperanno sessuologi ed altri professionisti sanitari che si occupano di sessualità, sex blogger e persone che sono attive nel promuovere la sessualità in tutte le sue sfumature, sexy shop e venditori porta a porta di sex toy, produttori di e/o distributori di sex toy. L’evento si terrà venerdì 20 settembre dalle 18:00 e sabato dalle 9,30 fino alle 19, presso il Moom Hotel di Olgiate Olona , Varese. Il programma è ricchissimo ed è possibile visionarlo sul sito Sesperti.
A pochi giorni dall’evento abbiamo intervistato Violeta che oltre a raccontarci come nasce “Sesperti” ci ha svelato qualcosa su di lei. Vi consigliamo si mettere il suo blog tra i vostri preferiti, il perché lo scoprirete visitandolo (troverete come al solito i link di riferimento alla fine di questa intervista). Buona lettura.

Violeta Benini
Violeta Benini

Domanda. Ciao Violeta e grazie per il tempo che ci hai concesso. Come nasce l’idea di realizzare un evento come Sesperti? 
Risposta. Ciao! L’idea nasce per il semplice fatto che in Italia questo tipo di evento (e rete) manca, ci sono meeting per diverse categorie di divulgatori o di blogger e per chi parla di sessualità mancava ancora. Da 3 anni vado al sex blogger meeting spagnolo e mi son detta che volevo creare qualcosa di simile anche in Italia, così ci siamo arrivati! 

 

D. L’evento si svolgerà il 20 Settembre per cui sono davvero pochi i giorni che ci separano da esso. Vuoi darci qualche anteprima sui/sulle partecipanti?
R. Tra i nomi più conosciuti che verranno all’evento ci sono Ayzad, Virgin and Martyr, Plug the Fun, Anna Castagna, SessFem Milano, Inside porn, Valiziosa, e tanti altri che potete trovare nella pagina dedicata sul nostro sito. 

 

D. Com’è stato accolto l’evento da chi parteciperà? Mi riferisco ai divulgatori e divulgatrici di sessualità che hanno deciso di accogliere il tuo invito a Sesperti o che hanno deciso da sé di far parte di questa rete di professionisti e non.
R. Credo che le esclamazioni più frequenti siano state “era ora! Posso fare qualcosa per aiutarti?” oppure “ma proprio quelle date che non ci sono?” 
Direi che è stato accolto bene e già parlano della edizione dell’anno nuovo senza manco aver partecipato alla prima. 

Sex Toys
Installazione di Violeta Benini per Tacchesimo 2017

D. Come si svolgerà l’evento?
R. L’obiettivo che mi sono posta è quello di creare una rete e per farlo le persone devono conoscersi, sia sul lato “divulgazione” che sul lato personale. Per questo venerdì sarà dedicato a conoscersi mentre sabato ci saranno attività di gruppo e tavole rotonde per parlare sia di com’è la situazione in Italia per quanto riguarda il parlare di sessualità sui social che per il come scegliamo di parlarne. 

 

D. Quali sono le tue aspettative?
R. Mi piacerebbe che si creasse una rete di confronto e sostegno. Che tra i “sesperti” si ricorra a taggare/coinvolgere quelli che sono più specializzati in un determinato argomento così da non improvvisarsi su cose che si conoscono meno, ma anche che il pubblico possa arrivare a avere una rete di professionisti e non di cui può fidarsi. Perché di informazioni sbagliate o non inclusive è pieno il web e senza conoscenze è difficile comprendere se una informazione sia corretta o meno. 

 

D. Violeta, siamo curiosi di scoprire anche chi c’è dietro questo evento. Stiamo parlando ovviamente di te. Sei l’ideatrice di Ostetriche Italiane, divulgatrice con il motto “il mio obiettivo è riempire il mondo di clitoridi felici”, e crei materiale didattico per ostetriche. Come nasce questa tua passione e questa voglia “di far conoscere”?
R. Credo che alla base ci sia un lato del mio carattere saccente. Fino ai 25-26 anni ero parecchio fastidiosa perché sentivo questo bisogno di dover dire le cose agli altri quando magari non era richiesto. In un qualche modo i social, iniziando dal mio blog, hanno modificato questo mio aspetto così scrivo per chi vuole leggere e ho quasi smesso di intromettermi quando non mi viene richiesto. 

 

D. Violeta, noi ti ringraziamo ancora per averci concesso questa intervista. Ci salutiamo con un ultima domanda. Perché credi sia importante parlare di sessualità oggi?
R. Credo che sia importante parlare di sessualità sempre. Forse “oggi” con tutti i social, con una maggiore apertura per argomenti che fino a anni fa erano dei tabù immensi, con una carenza di educazione affettiva e sessuale sia in casa che a scuola, i social stanno colmando un po’ questo aspetto. Ormai il più delle volte si chiede a Google di rispondere a dei dubbi, e per questo è importante fornire a Google le giuste risposte. 
Siamo esseri sessuati, che non significa che facciamo sesso, ma tutto. Dal sentirci donne, uomini o unicorni, dal come scegliamo di presentarci agli altri, dalla accettazione del proprio corpo, ai gusti infiniti sul piacere. E questo può portare tanti dubbi perché ancora prevale di più che la normalità sessuale sia binaria e tipica. E quello che non viene inquadrato in questi recinti può far sentire “anormali” quando invece sono solo modi diversi di sentirsi e diversi gusti. 

 

Contatti
Facebook: Violeta Ostetrica 
Instagram Violeta Benini: @Violetabenini
Instagram Sesperta: @Sesperta 
Sito Violeta Benini: violteb.com 
Sito Sesperti: sesperti.org 

QUEEF Magazine

Newsletter

Riceverai tutti i nostri articoli, interviste e le nostre esclusive gallerie degli artisti prima di tutti.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Condividi con :
Share
Etichettato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.